sabato 27 maggio 2017

Penne integrali con zucchine, quartirolo e noci di macadamia


Estate in vista!!
Finalmente si può ricominciare a pensare al mare, al sole, ai granelli di sabbia che si intrufolano ovunque e ai sassolini che massaggiano i piedi.
Inutile dirlo, amo anche l'estate, caldo esagerato a parte che soffro almeno quanto il freddo siberiano, amo guardare il sole che tramonta sul mare, quando la spiaggia si svuota e restano solo i gabbiani; amo le nuotate la mattina presto, quando l'acqua è calma e trasparente e i cormorani fanno colazione con i saraghi che ti sgusciano tra le gambe e si intrufolano tra una bracciata e l'altra.
Amo gli aperitivi sui Navigli e le risate con gli amici quando alle nove di sera è ancora chiaro, le passeggiate con il mio ragazzo alla ricerca di gelati sempre più buoni e gustosi (anche se alla fine finiamo sempre per andare nelle nostre gelaterie di fiducia) in serate in cui impeccabilmente qualche pezzo del mio cono o mi finisce addosso o nelle migliori delle ipotesi per terra.
Amo le sere tranquille a casa con la mia famiglia, le cene lente e mai silenziose in montagna accompagnate dal frinire dei grilli che si divertono a cantare nei prati tutto attorno.
Amo le corse al parco, le lentiggini sul naso, il sole che mi sveglia accompagnando le mie colazioni e regalandomi allegria e buon umore anche quando sono un pò abbattuta o stanca.
E poi amo anche i pranzi colorati, leggeri ma gustosi in cui la fantasia e l'improvvisazione sono gli ingredienti principali, meglio se poi sono consumati in ottima compagnia!
Quante volte ho detto "amo"? 
Bho, ma sappiate che la lista è ancora molto lunga :P
Intanto...ricetta!


Ingredienti
  • 180 g di penne integrali
  • 2 zucchine
  • 80 g di quartirolo
  • 30 g di noci di macadamia
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale
  • Qualche foglia di basilico 
Preparazione

Mentre fate cuocere la pasta, fate scaldare due cucchiai d'olio in una padella antiaderente abbastanza capiente, aggiungete le zucchine che avrete già lavato e tagliato a dadini, salate (o usate il dado granulare) e fatele cuocere (mi raccomando, devono restare croccanti!).
Quando la pasta sarà cotta, aggiungetela alle zucchine, mescolate e appena prima di servire unite il quartirolo tagliato a cubetti e le noci di macadamia tritate grossolanamente.
Servite decorando con qualche fogliolina di basilico e un filo di olio extravergine.





domenica 14 maggio 2017

Bruschette alla crema di ceci e pomodori secchi con dadolata di quartirolo


Chissà se questo "maggembre" da domani si degnerà do lasciare il posto a un soleggiato maggio?!
Da giorni ormai freddo, grigiore, pioggia e temporali si sono impossessati della primavera milanese e quindi i pochi raggi di sole non possono che essere sfruttati al massimo!
Dovete sapere che io sono metereopatica e che non appena arriva la bella stagione mi trasformo in un girasole: il mio studio si trasferisce sul balcone o in giardino e avviene la mutazione da topo da biblioteca in lucertola.
Adoro vedere le prime lentiggini spuntarmi sul naso e le guance diventare rosse, mi mette allegria!
Ovviamente anche l'attività sportiva si trasferisce all'aperto...certo gli allenamenti in palestra restano in palestra, ma la domenica mattina, sole permettendo, non posso non rilassarmi con una corsetta al parco immersa nel verde.
Si dai, sono come una pianta, senza sole e senza verde appassisco, inizierei a soffrire di grigiume, noia, mi sentirei in una gabbia di cemento!


Quando da bambina trascorrevo le estati in montagna con i nonni, non vedevo l'ora finisse la scuola per godermi la tranquillità e la gioia di quelle giornate immersa tra boschi e prati.
Dopo una giornata di giochi e corse tra erba tagliata e balle di fieno profumato, era bello aspettare di cenare, leggendo o facendo i compiti sul balcone e assaporando quei raggi tiepidi del sole che iniziava a tramontare dietro le montagne tingendo di rosso e di ombre le foglie delle querce davanti a casa e le distese di prati sottostanti.
Sono alcuni dei ricordi più cari che ho.

Ahimè ora dovrò aspettare ancora un pò per rivedere le mie montagne, ma nel frattempo posso dire che anche qui a Milano il verde non mi manca e anzi, dopo una giornata intensa fatta di studio, ripetizioni e allenamenti (spero presto di poter eliminare la parola studio e aggiungere "lavoro" :P), offre ottimi sfondi per un sano aperitivo "green & healthy".



Ingredienti
  • Pane raffermo
  • 200 g di ceci lessati
  • 5-6 pomodori secchi
  • 2 cucchiai di latte
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • mezzo cucchiaino di paprika dolce
  • Sale q.b.
  • 50 g di quartirolo
Preparazione

Preparate il pane per le bruschette tagliandolo a fette e facendolo tostare su una piastra.
Frullate i ceci con i pomodori secchi tagliati a fettine, il latte, l'olio, la paprika e il sale; dovrete ottenere una crema spalmabile molto simile all'hummus.
Spalmate le bruschette con la crema di ceci e pomodori secchi e decorate con dei cubetti di quartirolo e qualche fogliolina di prezzemolo.
Buon aperitivo!




Crostata vorticosa con crema al cioccolato e torta margherita


Qual'è il mestiere più difficile del mondo? 
Sicuramente quello della mamma.
"Mamma, dove sono i miei pantaloni?"
"Mamma cosa c'è da mangiare?"
"Papà dove hai messo la mia borsa da ginnastIca?"  -  "Non lo so, chiedi alla mamma!"
Tutti la cercano, tutti la vogliono...e poi, dopo una giornata trascorsa tra mille cose da fare, il lavoro e le paranoie delle sue "bambine" da sorbirsi, arrivata la sera, non fa tempo a sedersi sul divano  (quando si siede!) che crolla.
Però guardarla riposare, col viso dolce e stanco, e sedersi sul divano accoccolata vicino a lei nella sua nuvola di borotalco, è una dei momenti più teneri della giornata.  

Premurosa e comprensiva come una mamma, ascoltatrice infaticabile e consigliera preziosa come un'amica, combattiva e forte, come una vera donna.
Questa è la mia mamma, ed è anche molto altro, ed è grazie a lei, oltre che ai miei nonni, a papà, alla mia mitica zia e a quella indispensabile rompiscatole che è mia sorella, che oggi sono quella che sono, pregi e difetti.
Ma grazie alle donne della mia vita, oggi sono una donna fiera di me e di loro, con i suoi momenti di debolezza e quelli in cui si sente una leonessa, che ama la vita in ogni suo aspetto e che vuole viverla con le persone che ama assaporandone istante per istante.
Perciò, grazie mamma per esserci stata ed esserci sempre.

Questa torta l'ho preparata per la festa della mamma e ho preso la ricetta dal fantastico blog foodosophy.it perchè la combinazione dei tre strati di frolla, crema al cioccolato e torta margherita mi invogliavano troppo (proprio come le decorazioni arabesche sulla torta) e poi rimandano proprio alle tre "essenze" della mia mamma: donna, amica e mamma!
Però...all'inizio temevo di aver fatto un disastro perchè, causa scarsità di teglie, ho dovuto usarne una un pò più grande per le quantità di ingredienti indicati nella ricetta e quindi la pasta margherita non era abbastanza!
Invece, alla fine, giocando un pò con la fantasia, mi sono inventata dei vortici che unissero la crema al cioccolato con la pasta margherita et voilà...forse non è una delle migliori torte a livello estetico ma vi assicuro che era buonissima.
Almeno, la mia mamma ha molto gradito!


Ingredienti

Per la frolla
  • 70 g di zucchero
  • 70 g di burro
  • 1 uovo
  • un pizzico di sale
  • una bustina di vanillina
  • 180 g di farina 00
Per la crema al cioccolato
  • 320 g di latte intero
  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di amido di mais
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 100 g di cioccolato fondente sminuzzato
Per la torta margherita di copertura
  • 150 g di farina
  • 80 g di zucchero
  • 50 g di burro
  • 70 g di latte
  • 1 uovo
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
Preparazione

La crema al cioccolato: in un pentolino versate lo zucchero, l'uovo e l'amido di riso, sbattete con delle fruste fino a quando il composto non risulterà cremoso, quindi unite il latte e mescolate in modo da non avere grumi (nel caso passate la crema nel frullatore). 
Fate scaldare il composto e quando inizierà a bollire e ad addensarsi, spegnete il fuoco e aggiungete il cioccolato a pezzetti. 
Mescolate fino a quando il cioccolato si sarà completamente sciolto, versate la crema in una terrina coperta con una pellicola trasparente e lasciate raffreddare completamente in frigorifero.

La pasta frolla: in una ciotola sbattete lo zucchero con l'uovo, aggiungete il burro a pezzettini, la farina, la vanillina e un pizzico di sale. Impastate bene e formate un panetto omogeneo da riporre in frigorifero per almeno 1 ora avvolto nella pellicola trasparente.

La torta margherita: Sbattete l'uovo con lo zucchero fino a quando avrete ottenuto un composto omogeneo e cremoso a cui aggiungerete il burro precedentemente fatto fondere in un pentolino.
unite il latte, la farina e infine il lievito. Mescolate bene.

A questo punto bisogna assemblare la torta: Dopo aver unto e infarinato una tortiera di 24-26 cm di diametro, stendete la pasta frolla con uno spessore di circa 3 mm, avendo cura di lasciare i bordi piuttosto alti. 
Bucherellate con i rebbi di una forchetta e versate la crema al cioccolato lasciandone un pochino da parte per la decorazione (oppure se vi piace la modalità "vortici", usatela pure tutta).
Coprite la crema al cioccolato con la torta margherita di copertura e decidete se usare la crema avanzata per decorare la superficie del dolce con una sac-a-poche, oppure utilizzare uno stecchino per amalgamare sulla superficie la crema al cioccolato e la torta di copertura realizzando dei piccoli vortici.
Fate cuocere in forno già caldo a 180°C per 35-40 minuti e infine lasciate raffreddare.