lunedì 27 febbraio 2017

Torta salata al radicchio, gotgonzola, noci e pancetta


Ieri dopo tanto tempo, ho trascorso uma domenica fuori porta con mamma e papà.
Da molti mesi papà diceva, un pò per scherzo e un pò seriamente, che sarebbe stato bello fare una giro ad Alba.
Quando io e mia sorella an ora non eravamo nei loro progetti,  i miei genitori, ancora fidanzati, andavano spesso a fare gite con gli amici, in moto, nei borghi d'Italia. 
Papà sfrecciava in sella alla sua Honda e con la vecchia Canon immortalava i fantastici paesaggi e i momenti trascorsi all'insegna della spensieratezzacon la mamma e i suoi amici.
Anche oggi adorano fare queste gite, più tranquille certo, senza Honda,  ma sepreferisco con lo stesso entusiasmo, anche perché le occasioni per farle sono rare e quindi è meglio coglierle al volo!
...Devo avere ereditato questo entusiasmo per le gite fuori porta perché solo settimana scorsa ho praticamente trascinato il mio ragazzo e due suoi amici a visitare Bergamo Alta 😉 
Bhe,  anche lui concorda con me che ne è valsa davvero la pena!



Ieri invece dopo mesi di maltempo, lavoro ed esami, finalmente siamo riusciti a regalarci un tour delle Langhe visitando i vari borghi tra cui Alba, Neive, Grinzane di Cavour e Barolo, insomma un vero e proprio tour enogastronomico fuori stagione.

Il cielo era limpido, puntellato solo da qualche nuvola bianca; non faceva molto freddo, l'aria era proprio quella marzolina,  di quelle frizzanti ma riscaldate dal sole che ci rassicura del suo prossimo arrivo in tiepide giornate primaverili.
Salendo per i tornanti verso Grinzane di Cavour e poi attraverso le valli del Roero, vedevamo le colline immerse in una leggera foschia che tuttavia impediva di vedere le Alpi e il Monviso, trasformate in pregiate distese di viti che a settembre avrebbero prodotto il loro nettare pregiato e garantito lavoro alle numerosissime aziende agricole e vinicole del posto.



L'unica pecca della giornata è stato il pranzo. 
Appena partiti già ci immaginavamo gustare uno spezzatino al barolo con la polenta oppure delle tagliatelle al tartufo...no, nulla di tutto questo.
Alle 12 30 abbiamo lasciato Alba per cercare qualche ristorante tipico poco fuori la città,  ma ahimè erano tutti chiusi! 
C'erano agriturismi e aziende vinicole ad ogni curva ma nessuno era aperto.
E allora, alle 3, affamati, ci siamo ritrovati a mangiare un panino nell'unico e sovraffollato bar di Barolo.
Va bhe, poco male, è stato divertente alla fine, e ne abbiamo approfittato per visitare questo borgo medievale, piccolossimo ma molto caratteristico.
Inutile dire che una volta arrivati a casa, ci siamo buttati su questa torta salata al radicchio,  gorgonzola, noci e pancetta. 
Sembrava non mamgiassimo da mesi!! 
Ora lo so, viaggiare è appagante ma serve benzina...anche per il corpo :p


Ingredienti 
  • Un rotolo di pasta sfoglia rotonda 
  • 120 g di gorgonzola
  • 100 g di pancetta affumicata (tagliata tipo bacon)
  • 400 g di radicchio rosso
  • 30 ml di latte intero
  • 40 g di noci
  • Un cucchiaio di aceto balsamico
  • Un bicchiere di vino rosso (io ho usato un Dolcetto d'Alba)
  • Olio extravergine di oliva q.b 
  • Sale q.b 
  • Pepe q.b.
  • noce moscata q.b 
Preparazione

Lavate e asciugate il radicchio, tagliatelo a listarelle sottili e fatelo rosolare in padella con un cucchiaio d'olio e 50 g di pancetta tagliata grossolanamente.
Dopo qualche minuto sfumate con il vino e l'aceto balsamico, regolate di sale, pepe e fate cuocere senza coperchio fino a quando il radicchio non si sarà appassito.
Nel frattempo fate sciogliere il gorgonzola con il latte e aggiungete un pizzico di noce moscata.
Eliminate il liquido che si è formato durante la cottura del radicchio, disponetelo sulla pasta sfoglia che avrete steso in una tortiera coperta con della carta da forno, aggiungete le noci e disponete le fette di pancetta restanti lungo la circonferenza della torta in modo che restino sotto il bordo quando andrete a chiuderli.
Ultimate ricoprendo la superficie con la crema di gorgonzola, chiudete i bordi arrotolandoli su se stessi, spennellateli con un tuorlo d'uovo e fate cuocere in forno già caldo a 180°C per 30 minuti.
Consiglio di mangiarla tiepida :)
 




Nessun commento:

Posta un commento