venerdì 29 aprile 2016

Shortbread alle Mandorle e Cannella



Sono in treno, sto tornando da una fantastica giornata a Torino trascorsa in compagnia di una persona speciale.
Dalle piazze e i viali dai sapori leggermente francesi alle sale dell'affascinante museo Egizio: sarcofagi, statue granitiche, papiri, mummie, vasi, oggetti dall'uso oggi inimmaginabile e quel mistero che aleggia sempre nei musei di storia.
Come se all'improvviso i protagonisti addormentati di quelle sale potessero riprendere vita,  come se ad un certo punto ci si ritrovasse catapultati nell'Antico Egitto dei Faraoni...come in un film!


Ma ai film io preferisco la realtà e la mia oggi è  stata magica e continua ad esserlo ormai da quasi un anno in ogni suo momento.😊
Cosí unica e che non vorresti mai che cambiasse;
 Così emozionante nonostante i suoi momenti più difficili, che vorresti viverla ogni giorno con tutta te stessa in ogni suo istante, come se fosse l'ultimo...e nonostante la filosofia e l'esperienza ci insegnino che tutto ha un termine, dentro di te senti che, almeno nel cuore, vivrà per sempre.


Sto guardando la verdeggiante campagna piemontese con tutte le sue cascine, le risaie e i campi arati, sfilare veloci oltre il finestrino: il treno scivola lungo i binari, il paesaggio si trasforma rapidamente mentre ci si avvicina alla città. 


"Tutto scorre" diceva Eraclito. 
Ma se tutto scorre è perché tutto vive, ogni cosa esiste e proprio perché si trasforma e ha una termine noi comprendiamo l'importanza di ogni cosa, anche di quella più piccola.
Spesso questo ci spaventa, anzi, forse proprio questo cambiamento, questa fine è la nostra paura più grande.
Ma è la consapevolezza che le cose, le persone, i momenti più importanti ci saranno sempre, ci accompagneranno in ogni istante, che allo stesso tempo rappresenta la nostra più grande gioia.
E tutto ciò che di più caro abbiamo è tale proprio perché ne abbiamo avuto cura e si è preso cura di noi, accompagnandoci durante il nostro "personale pantarei".

E dopo queste meditazioni conciliate dal viaggio....ricetta!
Andiamo in Scozia con questi Shortbread rivisitati. 😊


Ingredienti per 15 biscotti
  • 175 g di farina 0
  • 50 g di mandorle tritate grossolanamente
  • 100 g di burro 
  • 90 g di zucchero
  • 1 cucchiaio di latte
  • 1/4 di cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di cannella 
  • Una bustina di vanillina 
Preparazione 

In una ciotola lavorate il burro con un cucchiaio fino a che non si sarà ammorbidito.
Aggiungete lo zucchero e lavorate bene gli ingredienti aiutandovi con le dita.
Unite la farina,  le mandorle tritate, la cannella, la vanillina, il latte e il sale e impastate bene. Dovrete ottenere un composto omogeneo e compatto.
Avvolgete l'impasto in una pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno 1 ora.
Riprendete l'impasto e stendetelo su una spianatoia infarinata; dovete cercare di ottenere una forma rettangolare con i bordi spessi circa 1 cm (abbondante).
Con un coltello ricavate dei biscotti di forma rettangolare e metteteli su una teglia rivestita con della carta da forno. 
Con i rebbi della forchetta disegnate i classici forellini su ogni biscotto,  quindi lasciate riposare in frigorifero ancora 1 ora.
Ricalcate i forellini e fate cuocere a 180°C in forno già caldo per 30 minuti o comunque fino a quando gli Shortbread non inizieranno a dorarsi lungo i bordi.
Lasciate raffreddare e poi...gnam😊









Nessun commento:

Posta un commento